Innovazione

Il DE VITI DE MARCO adotta una didattica che si avvale delle nuove metodologie e tecnologie per affrontare importanti sfide del presente.
L’innovazione didattica è anche ricerca, sperimentazione di nuove prassi educative, adozione di metodologie attive e laboratoriali.

Tutto questo il DE VITI DE MARCO di TRIGGIANO lo concretizza in:

- AULE DIPARTIMENTALI (le aule non assegnate alle classi ma ai docenti)
- Utilizzo di VISORI 3D, REALTA’ VIRTUALE E AUMENTATA
- AULE -LABORATORIO (con Monitor touch e LIM)
- Utilizzo dell’IPAD come strumento didattico, soprattutto nel primo biennio
- Medologia all’avanguardia

Image

L’innovazione tecnologica favorisce un’apertura sia a nuovi metodi didattici come l’uso del tablet e dei libri digitali, come la condivisione in classe di strumenti informatici all’avanguardia per una didattica alternativa come visori per la realtà aumentata e modellini robotici, sia ad un ampliamento del curriculum formativo dello studente per il suo futuro professionale.

Mbot

Gli studenti del primo biennio si approcciano al linguaggio di programmazione “giocando” con l’Mbot, un robottino utile per fare robotica educativa utilizzando un ambiente come scratch

Patentino della Robotica

Si tratta di una certificazione di uso e programmazione di robot industriali riconosciuta a livello internazionale.

Dall’a.s. 2019-2020 gli alunni hanno la possibilità di seguire corsi per il conseguimento del patentino della robotica

Da diversi anni gli alunni, soprattutto del biennio, utilizzano l’iPad come strumento didattico prevalente. Seguono le lezioni, prendono appunti e studiano attraverso questo strumento straordinario. Provare per credere!!

In molte aule sono presenti i banchi-sedia con ruote per favorire la collaborazione tra gruppi e il cooperative learnig

Da quest’anno scolastico a TRIGGIANO le aule non sono assegnate alle classi ma ai docenti. Per cui non sono i docenti che si spostano da un’aula all’altra ma gli studenti. E’ un’esperienza che si è rivelata vincente anche durante il periodo COVID

Dicono di noi

Leggi cosa ha scritto la "Gazzetta del mezzogiorno" sul nostro istituto

Ridimensiona Testo